banner_articoli

COS’È L’ASSE INTESTINO CERVELLO?

articolo1L'asse intestino-cervello (in inglese Gut-Brain Axis, GBA) consiste nella comunicazione bidirezionale tra il sistema nervoso (SNC) centrale e quello enterico (SNE), una rete di milioni di neuroni necessaria a regolare le funzioni motorie del tratto digerente.


Il sistema nervoso enterico che regola l’intestino, e che può operare indipendentemente dal cervello e dal midollo spinale, è spesso chiamato il "secondo cervello" del corpo e, sebbene non sarà mai in grado di risolvere un’equazione o di comporre una poesia, utilizza per il suo funzionamento lo stesso tipo di cellule (o simili) e gli stessi messaggeri chimici (come i neurotrasmettitori) del cervello, ci consente di digerire ed eliminare i rifiuti, ed avverte il cervello quando qualcosa non va.


Il complesso sistema di scambio di informazioni fra il nostro intestino e il cervello è quindi in grado di collegare i centri emozionali e cognitivi con le funzioni intestinali periferiche.

 

I messaggi viaggiano dall’alto verso il basso infatti, quando vediamo qualcosa di appetitoso o sentiamo un buon odore, il nostro sistema digerente si prepara all’ingresso del cibo mentre quando ci sentiamo stressati o ansiosi potremmo percepire dolore addominale, nausea, diarrea o le famose “farfalle nello stomaco”. La comunicazione procede però anche nell’altra direzione, dall’intestino al cervello, e un esempio può essere rappresentato dal fatto che spesso, quando mangiamo qualcosa che ci fa stare male, istintivamente evitiamo quel cibo a lungo.


Sebbene l’interesse per la salute di questa relazione sia stato oggetto di indagine scientifica sistematica negli ultimi decenni, l’idea della relazione fra l’alimentazione, le funzioni intestinali e il benessere dell’individuo è nota da secoli ed è affascinante pensare che già Ippocrate, padre della medicina moderna, oltre 2000 anni fa sembra asserisse che tutte le malattie partono dall’intestino.

 

Nel corso della storia medici, biologi e scienziati hanno studiato questo sistema ma è stato con le tecniche di imaging che, dagli anni ’80, è stato possibile indagare, sempre più nel dettaglio, questo asse di comunicazione bidirezionale.

 

NEURAXPHARM ITALY

ricerca, sviluppo e commercializzazione di molecole innovative per la prevenzione e il trattamento delle patologie in ambito Psichiatrico, Neurologico e Geriatrico

© NEURAXPHARM ITALY • P. IVA 02062550443 CONDIZIONI DI UTILIZZO PRIVACY POLICY COOKIE POLICY